Carne

Sperimentate…! Dalla semplice tagliata di costa danese con sale grosso e rosmarino alla “maestà” del maialino da latte porchettato, attraverso le pietanze romane più tipiche, come i saltimbocca, la coda alla vaccinara (col freddo) gli straccetti di pezza o…la trippa col pecorino e la mentuccia.

Ogni stagione, ogni mese prevedono da noi variazioni di prodotti ed un’attenzione alla leggerezza delle ricette nei periodi più caldi dell’anno.
Piatti di terra che non si dimenticano…

Tagliata all’aceto balsamico e rucola:

Asciugate con un canovaccio un taglio di controfiletto di manzo, meglio se danese o chianino (le carni sudamericane risultano un po’ dolci per questa ricetta) sui 350 grammi.

Passatelo più volte in un piatto con della farina mentre, in una padella antiaderente, farete scaldare una quantità di olio extra vergine, relazionata al taglio del manzo, alla massima temperatura.

Il livello dell’extra vergine in padella deve esserne la metà esatta. Scrollate la farina in eccesso ed immergete il controfiletto nell’olio, girandolo più volte sino alla cottura desiderata. Estraete la carne con una pinza e sezionatela a “tagliata”, seguendo il verso delle nervature.

Gettate metà dell’olio, aggiungete, nel restante, aceto balsamico in proporzione alla carne ed all’olio, e tiratelo finchè non smette di “fumare”. Solo allora, aggiungete una noce di burro a porzione, passata nella farina. Ne risulterà una salsa più densa, cui aggiungere qualche goccia di Worchester sauce.

Passate la carne nella salsa calda per qualche istante: la carne deve essere condita, ma non deve “bollire” nella salsa.

Share on Facebook

Lascia un commento